Agricola del Sole

Switch to desktop Register Login

04 Giu

Ferrovia: una Ciliegia che corre lungo i binari della storia.

A volte gustiamo delle assolute bontà senza porci domande sul loro passato, sul viaggio metaforico che hanno affrontato per giungere a noi, perché fanno parte del nostro patrimonio gastronomico, perché la loro presenza è familiare, è normale.

Eppure molti frutti hanno alle spalle storie curiose, aneddoti originali che vale la pena conoscere per poter apprezzare la loro squisitezza e per impegnarci, a vario titolo, nella loro tutela e valorizzazione. Motivi di orgoglio che fanno grande e poetica la nostra Puglia, storie semplici che arricchiscono di anima ciascun dono della terra.

È il caso delle ciliegie varietà Ferrovia. Si narra che il primo albero di questa varietà, tanto amata per il suo sapore, per la sua polpa succosa, per la sua dimensione eccezionale e per la sua capacità di conservarsi a lungo intatta e gustosa (anche una settimana), abbia dato i suoi frutti nel 1935 grazie alle cure di Giorgio Rocco, casellante del casello ferroviario delle Ferrovie del Sud Est posto a circa 1 km dalla periferia di Sammichele di Bari, che si prese cura della pianta sin dal 1933.

La vicinanza ai binari fece sì che tutta la popolazione identificasse questa varietà sconosciuta con il termine Ferrovì (Ferrovia in pugliese). La varietà Ferrovia fu innestata su altri alberi proprio lungo i binari delle Ferrovie del Sud est divenendo il frutto simbolo delle città di Turi, Conversano e Casamassima, e poi di tutta la Puglia.

Chi abbia portato sul suolo pugliese il primo nocciolo di questo frutto rimane un mistero, e forse è giusto che rimanga tale per far sì che ognuno possa liberamente immaginare un inizio altrettanto poetico e, se possibile, ancora più suggestivo.

Di certo sappiamo che la dedizione di Giorgio Rocco ha prodotto ottimi frutti, e che se quel giorno del 1933 non avesse deciso di prendersi cura dell’esile alberello che spuntava volenteroso dal terreno la ciliegia Ferrovia forse non sarebbe esistita o la sua storia avrebbe percorso altre strade.

  • Stampa
  • Email