Print this page

Festa della Vendemmia 2013. Masseria San Magno giunge nelle Langhe per celebrare questo antico rito

Festa della Vendemmia 2013. Masseria San Magno giunge nelle Langhe per celebrare questo antico rito

Buon vino non mente, ce ne accorgiamo quando soli o in compagnia degustiamo senza troppe ritrosie un calice dopo l’altro, abbandonandoci a riflessioni argute scaturite dalla sensazione di benessere e dall’atmosfera armoniosa che solo

 

Buon vino non mente, ce ne accorgiamo quando soli o in compagnia degustiamo senza troppe ritrosie un calice dopo l’altro, abbandonandoci a riflessioni argute scaturite dalla sensazione di benessere e dall’atmosfera armoniosa che solo il vino è in grado di creare.

La complessa bellezza del vino inizia però già nella fase della vendemmia, quando un anno di lavoro e di minuziose cure riservate ai vigneti trovano soddisfazione nella raccolta dei grappoli; un rito antico, dai toni festosi, che tutto’oggi coinvolge e riunisce intere famiglie prodighe di impegno e di guizzi briosi.

I frutti del lavoro e del divertimento si mescolano per creare un momento di giubilo, in cui ad esser rinfrancati sono mente e corpo. Proprio in virtù del carattere festoso della vendemmia, Fontanafredda, storica cantina immersa nelle Langhe, ha deciso di celebrare questo antico rito ricreando l’atmosfera di una volta, con buon vino, musica e gustosi cibi nella giornata di sabato 14 settembre nel parco e nel borgo di Fontanafredda in cui si immergerà anche Masseria San Magno con i suoi vini rossi, bianchi e rosato.

La festa avrà inizio alle 12,00 con lo Street Food di Eataly all’interno delle vie del borgo di Fontanafredda. Qui si potranno degustare alcuni prodotti tipici del luogo come piadine, pasta, formaggi e gelati, mentre i più importanti bar di Alba allestiranno banchetti di degustazioni presso i quali sarà possibile assaggiare i vini delle dodici cantine che aderiscono al progetto “Vino Libero”, tra cui i vini della nostra Masseria San Magno.

Animazione per bambini con vecchi giochi piemontesi, spettacoli itineranti sul tema della vendemmia, intrattenimento sulle note del jazz, degustazione di spumanti piemontesi, pigiatura dell’uva con i piedi e tanto altro ancora accompagneranno i partecipanti fino a tarda sera, quando sulla punta delle colline intorno alla tenuta saranno accesi alcuni falò nella tradizione utilizzati per cacciare le maledizioni intese come maltempo e disgrazie in campagna.

Evviva la vendemmia, evviva la tradizione che tiene uniti e che apre le porte a nuovi sapori e antiche passioni!