Fiere & Eventi

I vini Agricola del Sole: la parola all'esperto

I vini Agricola del Sole: la parola all'esperto

In prossimità del Vinitaly, il Salone Internazionale dei vini e dei distillati, a Verona presso Veronafiere dal 25 al 28 marzo, Agricola del Sole si prepara a sfruttare al meglio le opportunità che la partecipazione a... 

In prossimità del Vinitaly, il Salone Internazionale dei vini e dei distillati, a Verona presso Veronafiere dal 25 al 28 marzo, Agricola del Sole si prepara a sfruttare al meglio le opportunità che la partecipazione a questo evento offre.


Fondamentale in questa fase è il ruolo dell’esperto, ovvero dell’enologo Saverio Menga, che cura la produzione dei vini dell’azienda pugliese.

Agricola del Sole
è alla seconda esperienza col Vinitaly, ma quest’anno è diverso, l’approccio è cambiato. L’azienda è più matura, così come i propri vini.

L’intenzione è quella di sfruttare al meglio le potenzialità del territorio: a tal fine è essenziale la presenza dell’enologo, la figura di riferimento quando si parla di vini. Sono importanti una certa esperienza, un certo savoir faire e la passione per questo settore. Saverio, dopo aver seguito gli studi in Enologia e Viticoltura presso la Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Foggia, collabora da subito con professori, enologi e agronomi, di grande esperienza e carisma.

Comincia le sue vendemmie in Campania, a Taurasi, terra dai grandi vini. Prosegue lavorando in Puglia, dedicandosi alla conoscenza degli uvaggi tipici: Nero di Troia, Pampanuto Bianco, Bombino Bianco e Nero, Aleatico, ecc.
Fino ad oggi, ha vinificato e seguito tecnicamente nove vendemmie, prestando attenzione alla biodiversità territoriale e alle dinamiche di maturazione dei diversi tipi di uve che caratterizzano il territorio.

Considerata l’entità dell’evento in questione, appaiono opportune le sue considerazioni, colui che meglio di altri ne percepisce la portata: “Il Vinitaly è uno degli appuntamenti più importanti a livello mondiale, che si svolge in Italia, in una regione molto importante per i vini e con una grande storia. È sempre una grande possibilità conoscere, confrontarsi, far conoscere e anche vendere il proprio prodotto. È un passaggio obbligato per chi si affaccia in questo mondo come noi, un evento di grande impatto per chi vi partecipa. Ci si sente piccoli, perché al Vinitaly si misura la capacità produttiva italiana e mondiale. E’ utile anche per cercare di credere in quello che si fa. C’è un confronto simultaneo tra le culture vitivinicole più disparate, da quelle sudafricane a quelle australiane, che non avresti facilmente la possibilità di conoscere”.


Qualche dettaglio sulla logistica e aggiunge: “In genere, le associazioni dei sommelier e l’ONAV (Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino) organizzano al centro dei padiglioni delle degustazioni, al termine delle quali si può andare a conoscere i vini assaggiati nei rispettivi stand. Noi saremo nello stand di Fontafredda, che cura la distribuzione dei nostri vini”.

Un coacervo di persone, quantificate in decine di migliaia, prenderà parte alla manifestazione; tra di esse, oltre agli espositori, molti giornalisti e operatori di settore, oltreché visitatori. Saverio spiega le produzioni che, in particolare, Agricola del Sole promuoverà al Vinitaly: “Presenteremo sicuramente i nuovi prodotti: Pozzovivo 2011 Bianco Doc Castel del Monte, il nuovo Chiancarosa 2011, Spaccapietre 2009 e Jazzo Rosso 2010 per i rossi”.

In un luogo in cui i sapori e gli odori si confrontano e si fondono, in un “gioco” in cui sono le sfumature a fare la differenza, gli intenditori e gli amanti del vino avranno svariate possibilità di scelta. Legame profondo col territorio di appartenenza, attaccamento alle tradizioni e passione per questo settore emergono dai vini Agricola del Sole.

L’enologo spiega queste caratteristiche e conclude: “Il vino non può mai essere “ripetitivo”, ma segue degli andamenti, in primis quelli climatici. Il Pozzovivo, per esempio, è un’espressione fedele del territorio, esprime quello che succede in campagna, assoggettandosi all’andamento climatico. Il Pozzovivo ha la caratteristica di crescere di intensità e a livello di sapidità. Il Chiancarosa, invece, è cresciuto nella direzione della delicatezza e della nettezza odorosa. Per quanto riguarda i rossi, essi sono ora vini più maturi. Le nuove annate, dopo i rispettivi affinamenti sia in barriques che in bottiglia, si presentano più mature, lineari e fedeli ad un progetto di tipicità territoriale; quindi, si presenteranno in anteprima lo Spaccapietre 2009 e lo Jazzo 2010.

L’appuntamento è a Verona dal 25 al 28 marzo: venite a trovare Agricola del Sole nella Hall 7, presso lo stand D6 Fontanafredda.

  • Armonie Italiane s.r.l.
  • Via Sant'Elia z.i. Corato (ba) Italy
  • Società responsabile della commercializzazione dei prodotti a marchio Agricola del Sole
  • Tel.  +39 080 8726673
  • Numero Verde: 800198417
  • Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

mappa small

Agricola del Sole aderisce alla rete
del turismo industriale

Questo sito utilizza i cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner cliccando sul pulsante di conferma, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo
© 2021 Agricola del Sole | Armonie Italiane s.r.l. | P.IVA IT05504920728
logo interno15 w